Riscatto City. Vardy nella leggenda



Mucchio selvaggio in testa alla classifica: i risultati di questa quattordicesima giornata creano ancora più scompiglio ai piani alti, andiamo quindi a vedere nel dettaglio cos'è successo in questo week-end:

Pareggio spettacolo al Vitality Stadium dove l'Everton va sopra 2-0 in 20' grazie a Funes Mori (primo gol in maglia Everton) e al solito Lukaku salvo poi venir raggiunto nel finale dai gol di Smith e Stanislas ma non finisce qui, nel maxi-recupero Barkley riporta avanti i Toffees al 96' ma incredibilmente ancora Stanislas trova il pareggio per i Cherries che riescono quindi a strappare un punto ma non a uscire dalla zona retrocessione. Va a far loro compagnia il Newcastle che va in vantaggio sul Crystal Palace grazie a Papiss Cissé ma viene subito ripreso e goleato dalle doppiette di McArthur e Bolasie e dal gol di Wilfried Zaha per il 5-1 finale a favore del Palace.
Ancora più giù l'Aston Villa che non vince da 13 partite e cade in casa contro il Watford: Apre le marcature il solito Odion Ighalo che fa 1-0 grazie a un regalo della difesa dei Villains che però si riscatta (o almeno così sembra) con il gol del momentaneo pareggio di Micah Richards. Tutto ciò però non basta perché Hutton interviene goffamente e mette il suo secondo autogol stagionale per il nuovo vantaggio del Watford, che all'85' chiude la pratica con Deeney che si infila tra i difensori del Villa e fa 3-1, inutile il bel gol di Jordan Ayew al 89' per il 3-2 finale. Watford che grazie a questo risultato raggiunge lo Stoke, sconfitto dal Sunderland per due gol nel finale, prima di Van Aanholt e poi di Watmore, seconda vittoria e secondo clean sheet di fila per la squadra di Allardyce.
Nelle zone di vetta torna a vincere il Manchester City che in casa si impone per 3-1 sul Southampton: in 20' è già 2-0 per le reti di un super De Bruyne e di Delph (primo gol con il City per lui) salvo poi subire il ritorno del Southampton che al 49' trova il gol con Shane Long e crea di più ma alla fine capitola sul sinistro chirurgico di Kolarov che fa 3-1 e rimanda in testa il City.
I tifosi dell'Everton invandono il campo al gol di Barkley: Beffa atroce

City che fa compagnia in vetta al Leicester di Ranieri che va in vantaggio al 24' grazie alla bella imubcata di Fuchs che trova Vardy il cui destro preciso brucia De Gea e manda in vantaggio le Foxes, nel finale di primo tempo però Schweinsteiger sfrutta il corner battuto da Blind e di testa buca Schmeichel Jr fissando il risultato sull'1-1. Vardy che, segnando per undici partite consecutive entra nella storia della Premier battendo il record detenuto in precedenza da Ruud Van Nistelrooy
Vardy riscrive la storia: Superato Van Nistelrooy
Apre il programma domenicale il Lunchtime Match a White Hart Lane tra un Chelsea tornato alla vittoria nello scorso turno e un Tottenham in forma smagliante e che punta a un posto in vetta. Nei Blues fuori a sorpresa Diego Costa lasciato incredibilmente in panchina da Mourinho che preferisce un modulo senza centravanti con Hazard a fare il riferimento offensivo. Nel Tottenham formazione tipo con la sola esclusione di Alli per squalifica. Se vi chiedete perché stiamo parlando delle formazioni è perché in campo si è visto uno 0-0 con poca fantasia e un gioco molto spezzettato con gli Spurs autori delle poche occasioni della partita ma comunque non in grado di approfittarne. Da segnalare la brutta reazione di Diego Costa che nel finale ha lanciato la sua pettorina da riscaldamento a Mourinho dopo esser stato lasciato in panchina per tutti i 90'.
Nel pomeriggio il West Ham spreca altri punti in casa pareggiando contro il WBA di Pulis, apre le marcature la bella punizione di Zárate ma a inizio ripresa Reid con la mano beffa il suo portiere e regala il pareggio ai Baggies, 1-1 il risultato finale. Stesso risultato a Carrow Road tra Arsenal e Norwich, alla mezz'ora Ruddy regala un pallone sul rinvio, Özil ne approfitta e manda in vantaggio i Gunners, che però vengono raggiunti nel finale del primo tempo da Grabban che sfrutta una gran giocata di Robbie Brady e mette dentro il suo primo gol in Premier e fa 1-1. Gunners che falliscono l'aggancio in vetta. Esulta invece Klopp: il suo Liverpool si impone per 1-0 in casa sullo Swansea grazie al rigore trasformato da Milner nel secondo tempo. Crisi nera per lo Swansea che ora è solo a +4 sulla zona retrocessione, Reds che invece superano in un colpo solo Southampton, Everton e West Ham e si portano a -4 dal quarto posto.

Commenti

Post più popolari